Menu

Roberto Ferri, come il Caravaggio

Arte e Cultura, Concept Art, In Evidenza Home

Roberto Ferri, come il Caravaggio

Hero Image

Roberto Ferri, come il Caravaggio

Pittore con l’animo rock  e lo stile di un’altra epoca: Roberto Ferri (Taranto 1978) ci parla  delle sue incredibili opere pittoriche e del modo in cui nascono.

Pervase da un’atmosfera misteriosa e caravaggesca, piene di significati e con dettagli impregnati di contemporaneità; sono lavori che raccontano un virtuosismo nato da ispirazioni improvvise o visioni notturne, ma anche da studi approfonditi, con maestri quali Gaetano Castelli, scenografo della RAI o Francesco Zito, costumista teatrale.
Ferri utilizza il suo lavoro anche per mostrare il mondo contemporaneo, per portare fuori i demoni interiori di ciascuno e usare la sua fede cristiana come ispirazione., non tralasciando il lato oscuro dell’anima.


Dentro le sue opere c’è anche tutto un lavoro sulla concezione dell’opus alchemico e sulla sublimazione interiore. 
Maurizio Calvesi ha definito la sua arte un “radicale anacronismo”. L’artista ha partecipato alla 54esima Biennale di Venezia, eseguito alcuni ritratti di Papa Francesco I  e eseguito 14 tele della Via Crucis per la Cattedrale di Noto (Siracusa), commissionate da Vittorio Sgarbi.


Sarà inoltre presente all’Expo 2015 con nuove sorprese…

Roberto Ferri ( http://www.robertoferri.net/ )
Nasce a Taranto nel 1978. Nel 1996, si diploma al Liceo artistico “Lisippo” di Taranto. Inizia a studiare pittura come autodidatta e, trasferitosi a Roma nel 1999, approfondisce la ricerca sulla pittura antica, dall’inizio del Cinquecento alla fine dell’Ottocento; in particolare, si dedica alla pittura caravaggesca e a quella accademica (David, Ingres, Girodet, Géricault, Gleyre, Bouguereau, ecc.)

Nel 2006, si laurea con 110 e lode all’Accademia di Belle arti di Roma, nel corso di scenografia; per tre anni studia con Gaetano Castelli e l’ultimo anno con Francesco Zito.

Roberto Ferri, surreale germoglio caravaggesco – Rai Arte.

Tag:, , , , , , , ,